Centro per la cura e il benessere: l'Hammam

 

Centro per la cura e il benessere: l’Hammam

 

Un bagno turco, uno spazio dedicato alla cura del corpo, un luogo dell’intermediazione culturale. Si tratta di attività e servizi volti alla cura e al benessere delle persone, alla formazione e all’informazione interculturale, che sappiano conciliare , mettere in relazione, diffondere culture e pratiche provenienti da altri paesi, per il miglioramento dei livelli di qualità della vita e della coesione sociale.

Uno spazio di servizi che sviluppi  occupazione qualificata anche per le donne migranti e che diventi un ambito di mediazione culturale.
Il bagno turco, i servizi di massaggi, cura della pelle, dei capelli ecc., con personale che ha acquisito tecniche dalle diverse culture di provenienza, sono l’attività prevalente del Centro per la cura e il benessere delle persone, ma non l’unica attività

La lunga esperienza della Coop. Talea nella mediazione culturale e nelle attività di promozione delle diverse culture facilita l’avvicinarsi delle persone, lo scoprire le “ricchezze” di paesi lontani e saperi diversi: elementi che consideriamo tra i più importanti veicoli d’integrazione sociale e che riteniamo debbano essere alimentati per un più equilibrato sviluppo delle odierne comunità locali.

Allo stesso tempo il luogo può rappresentare un’offerta importante per le donne che provengono da altri paesi: potersi concedere pratiche e rituali che consentano loro di sentirsi “a casa”, di rafforzare la propria identità e quella delle giovani generazioni mantenendo le proprie radici.

La cooperativa La Talea, ha aperto dieci anni fa il primo bagno turco in Italia e resta ancor oggi l’unico spazio di questo genere gestito da donne italiane e straniere che provengono da continenti, tradizioni, saperi e culture diverse: quella araba, asiatica, africana, latino americana ed europea, che si articolano e s’intrecciano “contaminandosi”.
  
L’Hammam è inoltre uno spazio che si coniuga con:
•       le attività collaterali rivolte i bambini e agli adulti che li accompagnano, alle famiglie;
•       le attività di espressione corporea, sempre più richieste al Centro Donna;
•       le attività correlate all’ambulatorio di Medicine non allopatiche;
•       i laboratori di espressione teatrale della Sala Polivalente;
•       l’offerta di servizi aggiuntivi all’ospitalità e alla ristorazione.